web analytics

Cosa vuol dire RM in palestra?

RM significa letteralmente Repetition maximum: indica il massimo peso che può essere sollevato per un determinato numero di volte, quindi per uno specifico numero di ripetizioni.

Facciamo un esempio concreto.

Se riusciamo a sollevare 80 kg per 5 ripetizioni, il nostro 5RM è di 80 kg.

Se riusciamo a sollevare 100 kg per una ripetizione, allora 100 kg rappresentano il nostro 1RM; in altre parole, significa che con 100 kg riusciamo ad eseguire un’unica ripetizione e che non avremmo potuto fare nulla di più.

Conoscere il nostro 1RM (One Repetition Maximum) può essere utile per stabilire l’intensità dell’allenamento da un punto di vista oggettivo: è infatti possibile creare una programmazione basata sulle percentuali, che si riferiscono proprio all’1RM, e ricercare il sovraccarico progressivo in modo tale da migliorare, nel tempo, i propri RM.

Se la scheda che devi seguire indica di fare 5 ripetizioni all’80% questa percentuale è calcolata proprio sull’1RM.

Come calcolare l’1RM?

Puoi scoprire il tuo RM in due modi:

  • provando: quando riesci ad eseguire una singola ripetizione completa, ben fatta e senza aiuto esterno ma consapevole che non avresti potuto fare nulla di più, allora hai trovato il tuo RM
  • calcolandolo: online trovi diversi calcolatori che stimano il tuo 1RM inserendo il carico che hai utilizzato e il numero di ripetizioni che hai eseguito.

Tieni in considerazione che, in questo caso, si tratterà di una stima: sarà più accurata se il numero di ripetizioni che hai eseguito è basso.

Un altro modo per valutare e manipolare l’intensità dell’allenamento è rappresentato dall’autoregolazione: in questo caso, non ci basiamo sull’intensità del carico come percentuale rispetto all’1RM ma utilizziamo altre forme di valutazione soggettive dello sforzo, come accade nel caso di RPE oppure RIR.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.